RSS

Archivio mensile:ottobre 2015

“Alice from Wonderland” di Alessia Coppola

alice from wonderland

Chi tra voi pensava che le avventure di Alice fossero finite una volta venuta fuori dal paese delle meraviglie, si sbagliava di grosso.
La ragazzina di cui ricordiamo le folli avventure è cresciuta ed è tornata grazie alla penna felice di Alessia Coppola, una bellissima scoperta letteraria.

La giovane autrice, amante dei due volumi di Carroll, adora a tal punto questa storia da non riuscire a staccarsene, ignorare la fine imposta dall’autore originario e inventare un seguito nel nostro mondo. In “Alice From Wonderland” (Dunwich Edizioni, 2015), Alice è cresciuta ma ha perso la memoria quando Carroll è deceduto, così come tutti gli altri personaggi sparsi per l’Inghilterra. Sarà il caso forse a far ritrovare Alice e il suo amato cappellaio matto, e il loro abbraccio farà tornare alla memoria tutte le vicende vissute e il desiderio di tornare a Wonderland.

E’ un libro sorprendente per la bravura di Alessia che con una scrittura sofisticata e piacevole invoglia il lettore a proseguire lungo le pagine, facendogli ritrovare quei personaggi cari, amati con i precedenti romanzi. Dalle pagine scritte da Alessia, dai rimandi a Carroll (che diventa a sua volta personaggio del libro, anche se solo nei ricordi di Alice e degli altri), dal bell’amore tra Alice e il cappellaio, e il tormento dell’innamorato bruco, tutto è inondato dalla passione forte dell’autrice verso questa storia e lo studio attento che ha fatto.

E’ un romanzo che chiude (e forse nemmeno definitivamente) il mondo creato da Carroll, che come tutti i mondi subisce un’evoluzione pur tenendo saldo il suo legame con le radici e i testi originali.

E’ un testo che appassiona ed emoziona e stupisce sia per la storia che per la bravura di Alessia. Un prosieguo del tutto credibile che tiene col fiato sospeso e allo stesso tempo intenerisce. Una prova di scrittura davvero eccellente. Vi invito a provare per credere!

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 30 ottobre 2015 in Recensioni

 

“Lucida Follia” di Roberto Berruti

cop

Lucida Follia” di Roberto Berruti (Qulture Edizioni, 2013) è una raccolta di canti poetici di un amore profondo verso i molteplici aspetti della natura e della vita.
Attraverso i suoi versi dal significato mai banale seppur scritti in modo semplice, Berruti mostra quanto il benessere passi attraverso se stessi e l’ascolto del proprio corpo; la liberazione di sé da qualunque schema imposto. Da questo canto si evince anche l’importanza di conoscere sé attraverso la condivisione del piacere con l’altro.

La scrittura di Berruti si traduce in una poesia impetuosa, talvolta come un canto coinvolgente, e il tentativo di trascinare il lettore, qualunque lettore, ad osservare e vivere il meraviglioso spettacolo che è la vita. E’ il magico legame che l’uomo può costruire con se stesso in quanto universo.

Berruti riesce a parlare d’amore e del fare l’amore in modo unico, elevato, profondo e toccante. Come se nascesse e conducesse verso l’essenza di qualcosa di primordiale e cosmico, quasi divino.

Questa raccolta fa pensare a un vero e proprio inno alla vita, non ad una semplice celebrazione solenne, ma il canto di un folle innamorato che danza sotto la pioggia felice di essere lì, sotto lampi e tuoni, sotto il cielo tempestoso a godere dell’incredibile spettacolo che è la vita, che gli dona la vita ogni giorno con le sue numerose emozioni. Un frutto succoso da mangiare con gusto e voracità

Una lettura consigliata a tutti, amanti della poesia e non.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 23 ottobre 2015 in Recensioni

 

“43 colori in cerca di Viola” di Valentina Masetto

11541318_1633105796946265_1552687044_n

43 colori in cerca di Viola” è il romanzo di esordio della talentuosa Valentina Masetto (edito da Sensoinverso Edizioni per la collana AcquaFragile, 2014) è un romanzo che mi tocca profondamente. Non solo perché ho conosciuto l’autrice in occasione di un evento per me particolarmente emozionante (magari un giorno ve ne parlerò!), ma soprattutto perché leggendolo mi sono trovata catapultata in sensazioni provate quando scrivevo il mio secondo romanzo (“Dietro palpebre chiuse”, Qulture Edizioni, 2012).

E’ un romanzo che mi piace molto per l’onestà e la sincerità della scrittura di Valentina.
La sua Viola somiglia molto alla mia nella espressa necessità di chiudere dei capitoli per dare nuovo avvio ad altri libri e procedere passo passo, senza fretta ma con consapevolezza nella edificazione della propria vita, con il coraggio di seguire i propri sogni ascoltando il proprio cuore.

Un racconto autentico, fatto più di emozioni che di avvenimenti. Viola vive un anno che segna la sua rinascita, il suo vero nuovo inizio. Chiude situazioni passate, prende la strada del proprio sogno e inizia a volare con delicata tenerezza.

Impossibile non affezionarsi a lei e alle sue vicende.

Mi piace anche molto la caratterizzazione di tutti i personaggi di contorno che arricchiscono la sua quotidianità; personaggi descritti con affetto, e di cui si percepisce l’importanza in questo percorso di crescita.

E’ stato bello concludere la lettura di queste pagine con un sorriso sulle labbra e la bella sensazione di positività che lascia la storia di Viola.
Assolutamente consigliato!

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 16 ottobre 2015 in Recensioni

 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: