RSS

“Botte ad Ernest Hemingway” di Francesco Orlando e “L’omino dei semafori” di Giuseppe Castelluccio

05 Feb

Doppia recensione oggi, cari amici lettori, perché al centro delle mie riflessioni ci sono due brevi racconti.

Botte ad Ernest Hemingway” di Francesco Orlando e “L’omino dei semafori” di Giuseppe Castellucccio, mi sono stati consegnati qualche tempo da questi ragazzi di Caserta, due racconti simili per l’atmosfera surreale che li avvolge, ma molto diversi per toni e intenzioni.

Risultati immagini per Botte a hemingway

Botte a Hemingway” scritto da Francesco Orlando è un racconto molto veloce e ironico che ha tutte le fattezze di un cortometraggio e che si lascia immaginare con molta facilità. Racconta il ritorno al passato di due ragazzi che discutono di amore e letteratura e fregature, e che vogliono picchiare Hemingway. Il lettore viene trasportato in questa storia in modo immediato. I pochi dettagli descritti danno subito l’idea dell’ambientazione e di quello che avviene, e tutto il testo si legge con il sorriso sulle labbra, e sarebbe bello scoprire come i personaggi del racconto si sono poi destreggiati nella evoluzione che conclude questo racconto.

 

 

Risultati immagini per L'omino dei semafori

Per quanto riguarda “L’omino dei semafori“, scritto da Giuseppe Castelluccio, la storia è molto diversa. Anche in questo caso abbiamo un racconto molto breve che non sarebbe difficile immaginare come un cortometraggio, ma la scrittura è già più attenta, un po’ più ricercata e c’è proprio una narrazione poetica che vuole essere condivisa.
Giuseppe ci racconta una storia d’amore che è apparentemente la storia d’amore verso una persona, ma che poi si rivela la storia d’amore verso il mondo che ci circonda e soprattutto verso se stessi. Questo omino dei semafori è una persona che si è spesa tanto per gli altri e che ha sofferto per questo. Ma è evidente che egli non ha osservato attentamente le bellezze che lo circondano e che non ha vissuto realmente per se stesso. Per cui Giuseppe racconta una favola nella quale il finale porta proprio a riflettere sull’importanza di concedersi tempo e spazio per guardare intorno al mondo che ci circonda e scoprire le bellezze che ci possono arricchire l’animo giorno per giorno.

In generale penso che entrambi i racconti siano delle prime prove di scrittura interessanti che vanno corrette sicuramente, ma che rappresentano dei punti di partenza da coltivare. Ci sono delle potenzialità in entrambi i racconti che non trascurerei.

E poi, i due racconti mi sono stati consegnati sotto forma di brochure di poche pagine, ma entrambi hanno una copertina coerente che presagisce il contenuto, dettaglio che indica la cura e l’attenzione che gli autori hanno messo nel proprio lavoro.

Per info sugli autori:

Francesco Orlando https://www.facebook.com/BotteadErnestHemingway/

Giuseppe Castellucci https://www.facebook.com/LOminodeiSemafori/

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 5 febbraio 2018 in Recensioni

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: